Skip to content

Di nuovo sesso / Sex again

Tempo di lettura / Reading Time 5 min.

Dal 1993 al 1996 ho vissuto a Londra, dai 22 ai 25 anni.
Il mio coinquilino, durante una conversazione sul tema sesso, disse che “non è il caso di fare troppo baccano in merito al sesso, perché il sesso è una necessità del corpo, come mangiare, bere e dormire. Fame? Mangi. Sete? Bevi. Sesso? Scopi!”
Da quel momento in poi non sono mai riuscito a dargli torto.
Considerate che ho 49 anni, negli anni 90 ne avevo 19 e le ragazze in grado di accettare questo tipo di discorso erano creature mitologiche, o a pagamento; un pompino senza che si stesse insieme era praticamente un’utopia.
Nonostante queste difficoltà e l’aver avuto la mia prima esperienza sessuale a 22 anni, il sesso mi ha sempre incuriosito; non in modalità maniaco sessuale, ma più sul piano sociale, tecnico e scientifico…come Piero Angela in “viaggio nel corpo umano”.
Con il tempo sono riuscito a spiegarmi perché il sesso mi incuriosisca così tanto: è merito degli istinti primordiali, perché mi piace quando le persone si liberano dal guscio comportamentale imposto dalla società, facendo uscire la loro essenza, lasciandosi andare e gridando il loro pensiero/piacere.
Nel sesso io ci vedo tutto questo, e per questo mi incuriosisce…anche se, purtroppo, spesso le persone non riescono a lasciarsi andare.
Se credete che non esistano donne o uomini che vorrebbero fare, o vorrebbero che gli venissero fatte, certe cose ma non lo fanno e non lo chiedono per paura del pensiero dell’altro, vi sbagliate.
Come lo so? L’ho chiesto direttamente agli interessati, e qualcuno/a mi ha anche risposto.
Non ci credete? Provate a chiedere ad una donna se il loro uomo fa sesso orale: potreste stupirvi di quanti non lo facciano e quante, di conseguenza, non lo chiedano…però se li sposano lo stesso e ci fanno anche dei figli, con questi uomini che sesso attivo no, ma pompini sì! Vabbé!
Come so queste cose? Perché io di sesso ne parlo, faccio domande, anche scomode e intime: anche a chi conosco da 5 minuti se mi incuriosisce.
Il pensiero diffuso che il sesso sia un argomento taboo non lo capisco.
Se ne dovrebbe parlare come si parla di cinema, sport, hobbies, libri, ecc., perché comunque la verità è sempre e solo una: tutti scopano e tutti si masturbano!
Ritengo che l’insoddisfazione sessuale sia causata principalmente dalla mancanza di comunicazione e, quindi, di sesso si dovrebbe parlare di più e più liberamente.
E io? Ve lo spiego con un esempio per darvi un’idea di quale sia il mio rapporto con il sesso come argomento di conversazione.
Nella mia vita, quasi casualmente, ho avuto, a distanza di qualche anno una dall’altra, due esperienze di sesso a 3.
Queste due esperienze le ho sempre raccontate, anche a mia madre, senza problemi a donne e uomini che ho conosciuto, e non l’ho mai fatto per vantarmi di essere stato a letto per due volte con due donne, ma come normale argomento durante un discorso qualunque.
L’ho raccontato anche ai primi appuntamenti, senza mai pormi alcun problema di essere fuori luogo; l’ho sempre raccontato come avrei potuto raccontare che l’anno scorso abbiamo fatto un viaggio in India.
Lo so anche io che a livello di intimità il sesso di gruppo e il viaggio in India non sono pari, ma per me non c’è differenza: sono entrambi racconti basati sulle esperienze.
Se uscissi per la prima volta con qualcuno che mi dicesse: “Ieri sera mi sono masturbato/a guardando un film porno”, non mi stupirei e penserei che, molto probabilmente, chi ho davanti ha voglia di raccontarmi qualcosa di lui/lei.
Penso di avere anche una visione “laterale” in merito alla differenza tra scopare e fare l’amore, ma ne scriverò in un altro post.


From 1993 to 1996 I lived in London, aged 22 to 25.
My roommate, during a conversation on the subject of sex, said that “there is no need to make too much noise about sex, because sex is a need of the body, like eating, drinking and sleeping. Hungry? Eat. Thirsty? Drink. Sex? Fuck! ”
From that moment on, I have never been able to prove him wrong.
I am 49 years old, in the 90s I was 19 and the girls able to accept this kind of attitude were mythological creatures, or to be paid for; a blowjob without being a couple was practically a utopia.
Despite these issues and having my first sexual experience at 22, sex has always intrigued me; not in a sexual maniac mode, but more on a social, technical and scientific level…like Bill Nye in “a journey through the human body”.
Over time I managed to explain myself why sex intrigues me so much: it is thanks to the primal instincts, because I like when people free themselves from the bell of the behavior imposed by society, letting their essence out, letting go and shouting their thoughts/pleasure.
In sex I see all of this, and that’s why it intrigues me…even if too often people can’t let themselves go.
If you believe that there are no women or men who would like to make, or would like something to be made to them in sex but they don’t do it and don’t ask for it out of fear of the other’s thinking, you are wrong.
How do I know? I asked and someone answered me.
Don’t you believe it? Try asking a woman if her man goes down on her: you might be surprised how many don’t do it and how many, consequently, don’t ask…but they marry them anyway and they also have children, with men who active sex no, but blowjobs yes!
Oh well!
How do I know all these things? Because I talk about sex with people, I ask questions, even uncomfortable and intimate: even to those I’ve just met, if I’m curious.
I don’t understand the idea of sex as a taboo subject. We all should talk about it as we talk about cinema, sports, hobbies, books, etc., because in any case the truth is always the same: everyone fucks and everyone masturbates!
I also believe that sexual dissatisfaction is mainly caused by lack of communication and, therefore, sex should be talked about more and more freely.
What about me?
I’ll explain this with an example to give you an idea of ​​my idea about sex as a topic of conversation.
In my life, almost by chance, I have had two threesomes a few years apart.
I have always told these two experiences without problems to women and men (even to my mother) I have met and I never did it to show off that I have been in bed twice with two women, but as a normal topic during a standard speech.
I also told it on my first dates, without ever having any problem with being out of place; I’ve always told it as I could have told that last year we took a trip to India.
I know that at the level of intimacy group sex and travel to India are not equal, but for me there is no difference: they are both stories based on experiences.
If I went out there for the first time with someone, man and woman, who told me: “Last night I masturbated/watching a porn movie”, I would not be surprised and would think that, most likely, the person in front of me wants to tell me something about him/her.
I think I also have a side view on the difference between fucking and making love, but I’ll write about that in another post.

Published inB.L.O.G.